sabato 25 giugno 2011

Moinette Blonde

Prodotta dalla Brasserie Dupont per la prima volta nel 1955, con il nome Abbaye de la Moinette, accorciato poi semplicemente in Moinette nel 1980. Bel colore dorato pallido, velato, con una schiuma bianca, compatta, fine e cremosa, molto persistente. Naso dolce e ricco di frutta sotto spirito (albicocche, pesche), zucchero, canditi, e leggera speziatura donata dai lieviti. Il corpo è robusto, ma la gradazione alcolica (8.5%) molto ben mimetizzata e la texture acquosa la rendono molto facile (e pericolosa) da bere. Nella nostra bottiglia (prodotta nel 2009, crediamo) i luppoli erano quasi completamente svaniti ed in bocca riscontriamo una corrispondenza quasi totale con l’aroma, con l’aggiunta di note mielose. Morbida, pulita, molto dolce ma caratterizzata da un finale secco che fortunatamente pulisce bene il palato. Lascia un retrogusto abboccato e fruttato, con l’alcool ancora ben mimetizzato e che arriva a scaldare solamente la faringe. Questa bottiglia si è rivelata sostanzialmente un “dolcione”, probabilmente esemplari più giovani risultano meglio equilibrati dall’azione dei luppoli. Formato 33 cl., alc. 8.5%, IBU 35, lotto LO09187A, scad. 10/2012, prezzo 2.40 €.

________________
english summary: soon

9 commenti:

  1. Infatti, io l'ho assaggiata alla spina, e il retrogusto luppolato si è rivelato pure troppo marcato, rispetto alla promessa di frutti del profumo e del miele della prima sorsata. Si rivela, nell'immediato secondo sorso, un leggero squilibrio di aromi che le conferisce una bevibilità ridotta, a dispetto dell'alcol che rimane molto ben nascosto. Non mi ha soddisfatto appieno.

    RispondiElimina
  2. molto corposa e compatta, produce una schiuma molto intensa e saporita, presenta un leggero retrogusto amarostico. da accompaganri sicuramente a piatti di cacciaggione e/o insaccati

    RispondiElimina
  3. Bevuta questa sera. La mia bottiglia era parecchio più fresca della tua, probabilmente di maggio 2015 (se Dupont da una shelf life di 3 anni). Io l'ho trovata perfettamente equilibrata tra dolce ed amaro, con il luppolo che fa egregiamente la sua parte. Mi è piaciuta parecchio, una birra semplice ma assolutamente ben fatta. Come stile è fatica incasellarla, ma io ci trovo parecchio anche della sorella saison..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la devo riprovare al più presto, magari in bottiglia da 75 che dovrebbe rendere di più.
      oltretutto adesso che riguardo questa foto del 2011 l'avevo bevuta in un bicchiere improponibile per una birra da 8.5% ABV.

      Elimina
  4. Ci conto Davide! ;-)
    Comunque la mia bottiglia era da 33, ma direi in ottima forma...

    RispondiElimina
  5. Scusa, ma collabori o sei collegato a "Cantina della birra ? Questa descrizione è riportata anche sul loro sito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No.. non collaboro e non sono collegato. Già in passato li avevo colti al copia e incolla di parti del blog, come hanno fatto altri negozi online.
      Grazie della segnalazione.. ma ormai mi sono stancato di combattere.

      Elimina
    2. Brutto vizio, beh visti la serietà hanno perso un potenziale ottimo cliente ;)
      Ringrazianditi per l'ottimo contributo che offri mi permetto un piccolo OT: il sito "mobile" risulta alquanto penalizzato essendo impossibile accedere ad un menu, filtri, indice o pure ad una semplice funzione di ricerca. È solo possibile scorrere le recensioni dalla prima all'ultima.

      Elimina
    3. Lo so, la versione mobile è penalizzante a manca di molte opzioni. L'unico modo è usare la versione Desktop anche mobile. Scorrendo fino in fondo alla versione mobile c'è l'opzione per passare a quella desktop

      Elimina